Come scegliere l’asilo nido

bonus-asilo-nido.jpg

Foto fonte web

È arrivato il momento più temuto dalle mamme, la scelta dell’asilo nido. In questo istante ci rendiamo conto che il nostro piccolo bebè sarà ancora per poco una nostra esclusiva, a breve dovremo condividerlo con altre persone, altri bambini.

munch-lurlo-copertina.jpg

Foto fonte web

Come farò???

L’idea di accompagnare il mio fagottino all’asilo e vederlo piangere mi stringe il cuore 😦 Anche se poi nel 99% dei casi il bambino dopo 5 minuti si è già dimenticato della mamma!

Lavorare al giorno d’oggi per noi madri è diventata una necessità, solo poche possono stare a casa con i propri bambini e accudirli h24 fino ai 3 anni, altre stanno a casa “forzatamente” in quanto non trovano un lavoro e quindi accudiscono “non forzatamente” i propri bimbi, senza però la stabilità economica necessaria a portare serenità alla famiglia.

Concludo la riflessione fatta tra me e me col farmi forza,  perché, tutto sommato sono fortunata, ho un lavoro, un lavoro che amo.

Ed eccomi qui, alla ricerca del nido perfetto dove poter accompagnare con “gioia” il mio bebè.

Ci sono diversi tipi di asilo nido, da quello comunale al nido in famiglia.

Partiamo col dire che non ce né uno migliore dell’altro, per fortuna ci sono diverse possibilità, in modo da accontentare i diversi bisogni dei genitori. Dai più calmi e tranquilli agli ansiosi!

ASILO NIDO.jpg

Foto fonte web

Cosa valutare nella scelta del nido è un po come quando da ragazzine stilavamo la classifica di che ragazzo era meglio dell’ altro, non ti preoccupare, anche in questo caso arriverai ad una conclusione!

Cominciamo:

1. Luogo.

Chi porterà il bambino alla mattina? Chi andrà a prenderlo al pomeriggio? Supponiamo che la mattina lo accompagna la madre andando a lavoro e al pomeriggio vada a prenderlo la nonna. Dev’essere comodo quindi ad entrambe.

Preferire un asilo vicino alla residenza (se anche i nonni sono vicini) piuttosto che al lavoro dei genitori sopratutto se distante da casa, risulterà una scelta astuta.

-Può capitare che la mamma sta male e quindi non può portare il bimbo al nido, se fosse vicino casa potrebbe fare un sacrificio nel portarlo cosi da potersi riposare il resto della giornata.

-E se a lavoro ti spostano di sede? Rischieresti cosi di dover cambiare nido creando un disagio al bambino che dovrà ripartire da zero.

-Tuo figlio legherà con i bimbi del nido facendo però fatica a frequentarli nel tempo libero (giretto al parchetto)

2. Fattore economico, che non guasta.

Solitamente i nidi comunali variano il prezzo in base al reddito, i nidi in famiglia ti permettono di risparmiare se invece di frequentare 5 giorni il nido, lo si frequenta per 4 giorni o meno o mezza giornata anziché giornata intera

3. Flessibilità d’orario.

Se per motivi di lavoro avete bisogno di portare vostro figlio al nido alle 7.30 è necessario precisarlo. Di solito l’orario parte dalle 8.00, alcuni nidi ti permettono di portarlo fino ad un massimo di 5/10 min prima senza supplementi, altri 30 min prima con un piccolo supplemento. Stessa cosa vale per il pomeriggio.

4. Modus operandi.

Si sa, l’ asilo comunale ha un’impronta più didattica, mentre il nido in famiglia si chiama così proprio perché vuole ricreare un’atmosfera familiare, di gioco e convivialità. Ci sono poi asili privati dove i bambini vengono affiancati da madre lingua inglesi per imparare da subito la lingua. A voi la scelta! Io ho scelto in base al metodo Danese, lì abitano i bambini più felici del mondo. Uno dei loro segreti è far giocare i bambini fino ai 6 anni, fino a questa età niente didattica.

5. Graduatoria per iscrizione.

Attenzione alle tempistiche, se sapete già che porterete il vostro fagottino al nido il mio consiglio è di non aspettare che nasca, ma di informarsi già in gravidanza in modo da avere tutto il tempo necessario per vederne più di uno, capire come funziona e quindi fare una scelta consapevole. Nei nidi in famiglia spesso c’è solo un’educatrice quest’ultima può tenere fino a 6 bambini, quindi, se si vuole intraprendere questa scelta è bene non temporeggiare per non perdere il posto!

6. Vaccino si, vaccino no.

La legge 119 del 31/07/2017 stabilisce che per la frequentazione all’asilo nido è fatto obbligo per i genitori vaccinare i propri figli con i seguenti vaccini:

• antipoliomielitica; 

• antidifterica; 

• antitetanica;
• antiepatite B;
• antipertosse;
• anti Haemophilus influenzae di tipo b;
• antimorbillo;
• antiparotite;
• antirosolia;
• antivaricella.
Se siete però contrarie ai vaccini, ci
sono degli asili privati che accettano
anche bimbi non vaccinati.

7. Alimentazione.

Se siete fanatiche del bio, alcuni nidi adottano questa filosofia, fanno la spesa esclusivamente in negozi bio. Altri asili usufruiscono delle mense, mentre altri, come il nido in famiglia, ha una piccola cucina dove spesso è l’educatrice a preparare la pappa con prodotti di stagione. In ogni caso vi verrà fornito il menu, in modo da potervi regolare per i pasti serali

8. A pelle!

Mamme, credo sia questa la cosa dominante: che sensazione vi ha dato quando siete entrate? Allegra, colorata e di gioco? Vi siete immaginate il vostro bebè sgattaiolare felice? Le educatrici vi hanno fatto una buona impressione? Allora potrebbe essere la scelta giusta. Ricordatevi che lo spazio che per voi può risultare troppo piccolo è semplicemente a misura di bambino, i bambini non hanno bisogno di 100 m quadri per divertirsi e stare bene!

“I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto.”

Cit Giacomo Leopardi

Buona scelta!

2 pensieri su “Come scegliere l’asilo nido”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...