Tornare a casa… da mamme! Parte II

10-regole-per-una-vita-organizzata-e-felice.jpg

Foto fonte web

“Organizzazione” quando si diventa madri è la parola chiave, per essere un mamma felice il primo passo è proprio questo: sii organizzata

La vita a volte ci scombussola e ci fa cambiare tutti i piani, per quanto possibile però, è buona regola pianificare le cose da fare nel breve e medio periodo.

Quando tornai a casa dall’ospedale, ricordo che nonostante Angelo dormiva molto, come la maggior parte dei neonati nei primi giorni di vita, io non avevo molta voglia di “mestierare”, avevo partorito da poco, i punti dell’episiotomia tiravano e la testa se stavo in piedi a lungo girava, preferivo di gran lunga passare il tempo ad ammirare il mio bebè… che meraviglia!

Alberto riuscì a stare a casa solo due giorni da lavoro, per fortuna però riusciva a tornare a casa nel pomeriggio, mia mamma passava a trovarmi ogni mattina, ma anche per lei, la voglia di guardare Angelo e le sue piccole espressioni andava oltre ogni cosa.

Dicono (e chi lo fa ha assolutamente ragione), di farsi aiutare una volta tornate a casa, io di carattere sono sempre stata autonoma, non so perché, ma fare le cose da me mi da una grande soddisfazione. Per carità, per ora sono ancora in maternità, poi magari quando tornerò a lavoro mi vedrete in versione casalinga disperata!

8 MARZO.gif

Spero di non arrivare a quel punto ma lo scopriremo solo vivendo!

La mia smania di fare le cose da me però, mi ha aiutata a vivermi un ritorno a casa sereno.

Ecco il mio modus operandi:

– cibo: ho preparato circa due kg di ragù e l’ho stoccato in contenitori monoporzione o due porzioni, stessa cosa per la passata di pomodoro. Ho preparato circa 6/7 pasticci con varie farciture, congelati in porzioni da due in quei contenitori di alluminio con tappo in cartone, congelati ancora da crudi. Ho fatto un bel pentolone di minestrone e congelato anche questo. Ho comprato un po di carne e stoccata a singole fettine.

Tutte queste preparazioni, in gravidanza, mi hanno richiesto due giorni ma ho risparmiato un sacco di tempo per fare da mangiare una volta tornata a casa con Angelo e non abbiamo rinunciato a piatti genuini e sfiziosi! Anche perché a me l’allattamento ha sempre fatto fame!

-pulizia: io decisi di stare a casa dalla fine del settimo mese, per fortuna ho fatto questa scelta perche l’ultimo mese ero praticamente immobile sul divano 😒 una volta a casa ne ho approfittato per fare quelle pulizie che spesso si rimandano ad es. Pulizia tende, pulizia vetri (facendo sempre attenzione al pancione), pulizia dentro i mobiletti della cucina, decluttering armadio ecc… quando tornammo a casa con il bebè avevamo spesso gente a casa, è così, tutti, anche i parenti più lontani, non vedono l’ora di vedere il nuovo arrivato onde per cui hai molto movimento a casa e nei limiti del possibile vuoi avere una casa almeno decente!

-comprare dolci:

merendine.jpg

Foto fonte web

Un’altra cosa che mi ha salvata è stato acquistare confezioni di dolci per un esercito. Non era insolito il messaggio “sono di passaggio posso passare a trovarti così conosco Angelo?”, avere dei dolci secchi a casa l’ho trovata in un sacco di occasioni una manna dal cielo

-preparare il fasciatoio:

09a1544030f70641e1613132265afe34.jpg

Foto fonte web

Mentre le mie amiche hanno aspettato l’ultimo momento, io il fasciatoio ce l’avevo già li pronto dall’ottavo mese! Pronto all’utilizzo con pannolini, detergente senza risciacquo delicato, cotone, garzette per il moncone

-preparare il lettino/culla con le lenzuola e coperto con altro lenzuolo per evitare la polvere

– informarmi su tutte le questioni burocratiche da sbrigare una volta nato il cucciolo (seguirà articolo in merito), aimè sono diverse.

– informarmi su tutti i bonus possibili e immaginabili stanziati dallo stato, scoprii cosi che mi servivano una serie di documenti da richiedere in banca ed al commercialista/caf, sapete che rottura farlo con un bebè appena nato?

– capire come infilare il passeggino in macchina! Possibilmente DA SOLE e non con l’aiuto del papà (per gli uomini queste cose sono sempre dei giochi da ragazzi), e come agganciare/sganciare l’ovetto, un’impresa che mi ha fatto sudare 5 camice!

Vi viene in mente altro???

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...