Come sopravvivere al primo giorno di Nido!

Quando tutti me lo dicevano io non ci credevo, ma è proprio vero, quando si ha un figlio il tempo vola come un falco pellegrino 😅

scared-baby

In quattro e quattro otto sono volati 10 mesi, e mio figlio, il cangurino che mi sono tenuta stretto stretto per questi mesi, da una settimana ha cominciato l’asilo nido. E se fosse andato dalla nonna? Non cambia nulla, il distacco c’è comunque!

Anzi vi dirò di più, (nonna so che ci leggi ma non volermene!) tutto sommato sono felice di portare Angelo al nido.

images

Foto by web

So che vi spaventa, spaventava anche me, mille domande si inseguono nella nostra mente:

– potrò fidarmi dell’insegnante?

– si prenderà cura di lui quanto me?

– gli vorrà bene?

– mangerà?

– come farà senza la tetta della mamma?

– mi odierà per tutta la vita?

– si sentirà abbandonato?

MAMME, MENO PARE E PIÙ SERENITÀ!

A mio avviso i bambini stanno bene con i bambini, giocheranno tutto il giorno, faranno un sacco di attività nuove, stimolanti e intelligenti, mangeranno ogni giorno una pappa diversa, si riposeranno quando vorranno e saranno super felici di vederci al nostro rientro da lavoro!

E poi, non pensate che abbiamo bisogno anche noi di staccare un po’ la spina dalla routine (seppur bellissima) familiare?

Non vorrete mica finire come delle desperate housewives?!? 😁

Una collega e grande amica, mamma di due figlie ormai svezzate (22 anni una e 20 l’altra!) un giorno mi disse: Sophia, ricordati che tutte le tappe della vita saranno meravigliose, non guardarti mai indietro, ma guardati sempre avanti. Ora ti commuovi perché il tuo bebè ti chiama mamma, ti emozionerai quando farà i primi passi, ma sono solo due delle tante conquiste che farà nella vita, e saranno tutte emozionanti! 💟

Osserviamo il futuro con gioia!

Ciao mammine!

 

Annunci

Intolleranza al lattosio. Più del 60% della popolazione mondiale ne soffre. Perché?

Foto by web

Alzi la mano chi conosce una persona intollerante al lattosio, alzino due mani chi ne conosce più di una! Più del 60% della popolazione mondiale ha difficoltà a digerire il lattosio.

Intolleranza-al-lattosio-nel-mondo.jpg

Foto by Lactease

Ci siamo mai chiesti perché?

Nell’ Europa settentrionale e centrale, nell’area dell’ex Unione Sovietica, nel Nord America e in Australia, l’intolleranza al lattosio colpisce meno del 20% della popolazione, mentre     nell’ estremo Oriente e nell’ Africa centro-meridionale, così come tra i nativi australiani e nordamericani, la diffusione si avvicina al 100%.

Si pensa che questa difficoltà abbia origine preistorica.

Nei paesi nordici, dove fare agricoltura era più complesso, si viveva di pastorizia e allevamento, il consumo di latte era pertanto più elevato. Si abituarono così più in fretta a l’assunzione di latte (lattosio) rispetto alle comunità del mondo meridionale, abituando così il fisico alla digestione dello stesso.

Pensate che in Italia quasi il 60% di popolazione è intollerante al lattosio.

Quali sono i sintomi?

– meteorismo

– flatulenza

– dolori addominali

– gonfiore

– stitichezza

– diarrea

Qual’ è la soluzione?

Ovviamente limitare l’uso di latticini, tenendo in considerazione gli alimenti che contengono più lattosio rispetto ad altri, ad esempio la mozzarella (come altri formaggi freschi) contiene più lattosio rispetto al grana, come altri formaggi stagionati. Il prosciutto cotto ha alti livelli di lattosio, a differenza del prosciutto crudo, il gelato meglio prediligere i gusti alla frutta privi di latte, piuttosto delle creme.

CURIOSITÀ

Il latte materno, in percentuale, contiene quasi il doppio di lattosio rispetto ad esempio al latte di mucca (7% per il primo e 4% per il secondo)

NOTIZIA POSITIVA

L’intolleranza al lattosio nella maggioranza dei casi si sviluppa in età adulta, quindi in linea di massima si può allattare serenamente.

Se siete dubbiose a riguardo, consultate sempre il pediatra o il medico, una visita di controllo non costa nulla!

Allattare al seno è senza dubbio il miglior nutriente per i nostri cuccioli di essere umano 😍, oltre ad essere, almeno per me, una delle esperienze più belle della vita.

Ma siamo sicuri che il latte vaccino faccia veramente bene?

Seguirà a breve l’articolo con i consigli per un’ alimentazione ricca di calcio ma senza latticini!

Ciao mammine!

 

 

 

5 Regali per il tuo lui sotto i 100 euro!

Sta per arrivare il Natale e tra i tanti regali da fare, non possiamo dimenticarci di uno dei regali più importanti, quello per la nostra dolce metà!

Insomma, ci sopportano almeno per 5 giorni al mese, ci amano (a modo loro), e tra poco cominceranno pure a scaldarci i piedi, un regalo se lo meritano dai!

Ho stilato una classifica con qualche idea per tutte le tasche:

1- il biglietto della squadra del cuore

ronaldo-juventus-maglia-spot-luglio-2018.jpg

Sembra scontato ma non lo è, se il vostro lui è appassionato di uno sport, regalare un biglietto per andare a vedere una partita è sempre tra i regali 🔝🔝🔝

E se è Juventino ancor di più visto l’ingresso in squadra di Cr7 😍 in questo caso me lo regalerei anche io un biglietto 😁

2- un trapano!

Bosch-PSB-EASY-Trapano-960x835.jpeg

Direte, ma che regalo è?!?

Ebbene si, è stato il regalo preferito di Alberto. Siamo assieme da 8 anni e di regali vi assicuro ne ho comprati tanti, ma il trapano a lui è rimasto nel cuore.

Per un buon trapano si spendono circa 80 euro ma farete un figurone! Sopratutto se come progetto avete l’andare a vivere assieme!

3- prendetelo per la gola

L’ultimo regalo che ho fatto ad Alby, e devo dire anche questo super apprezzato, è stato un pezzo di formaggio e una bottiglia di bollicine, da mangiare e bere assieme in una seratina a 2 e 1/2 visto che c’era anche Angelo 😍

Il formaggio era il Bagoss, si compra solo sulla zona del lago di Iseo, dove c’eravamo stati l’anno prima e se ne era innamorato. L’ho acquistato in internet su questo sito spaghettiemandolino.it e sono stata felicissima

4- abbigliamento

Siamo più su un classico ma non si sbaglia mai, sopratutto se sapete che qualcosa è necessario. Perché no una bella cintura?

5- l’album con tutte le vostre foto!

download (6).jpeg

Sembra un regalo de ja vu ma ditemi la verità, da quanto non fate sviluppare una foto?!? Al giorno d’oggi ci preoccupiamo solo di spostarle di cellulare in cellulare ed abbiamo perso il calore e la bellezza di sfogliare i nostri cambiamenti e le nostre avventure!

Quindi via libera all’album di foto, io ne ho acquistato uno molto bello in ecopelle su amazon!

Come sempre, buono shopping! 😍

Seguici su Facebook

👍 Sa di Bebè 👍

Buono sconto di 5 eur H&M 💟

Quest’anno il freddo tarda ad arrivare, poco male, ma voi avete già fatto il cambio dell’armadio?

Io l’ho fatto qualche giorno fa e come ogni anno butto via qualcosa, qualcosa di vecchio, rovinato anche per colpa di qualche lavaggio sbagliato 😁

Quest’anno però, i capi da gettare li ho messi dentro un sacchettino che porterò al più presto da h&m per trasformarli magicamente in un capo nuovo! 💟

Ormai è da qualche hanno che h&m per incentivare il riciclo, da un buono di 5 euro ogni sacchetto portato in negozio (con all’interno capi di abbigliamento di qualsiasi genere).

Il buono di 5 euro è spendibile su una spesa minima di 40,00 euro e sono cumulabili.

Es. Se porto due borsette mi danno 2 buoni da 5 eur.

A fronte di una spesa di 80 euro mi verranno decurtati i 2 buoni quindi la spesa finale sarà di 70 euro!

Un motivo in più per riciclare!

Buono shopping!

Seguici su Facebook

👍 Sa di Bebè 👍

Ottieni uno sconto di 10,00 euro su Amazon valido solo per oggi!!!

Per ringraziare i propri clienti, Amazon oggi offre uno sconto di 10,00 euro da utilizzare su una spesa minima di 50,00 eur per acquisti su Amazon e Amazon prime!!!

XCM_Manual_1146891_GRAZIE1000_thankyou_2018_1500x300_X_Site_1146891_it_xsite_grazie1000_thankyou_2018_1500x300_2_1541507664_jpg

Il codice sconto da utilizzare è

GRAZIE1000

Il codice è utilizzabile solo per ordini relativi a prodotti venduti e spediti da Amazon EU S.à r.l. esclusi libri, contenuti digitali, latte e formule per neonati, Buoni Regalo, Warehouse Deals, prodotti venduti da terzi sul Marketplace di Amazon.it nonché i prodotti venduti da U2 Supermercato e NaturaSì su Prime Now.

Buono shopping!

BIOLOGICO: una moda o il futuro sarà tutto bio? Facciamo chiarezza

Fino a un anno fa non avevo mai preso in considerazione l’acquisto di una zucchina Bio, cipolla Bio, pasta Bio ecc ecc. Al giorno d’oggi si può dire di trovare praticamente tutti i prodotti riportanti questa dicitura.

Ma cosa significa BIO ovvero biologico?

È un metodo di coltivazione che utilizza solo fertilizzanti e pesticidi naturali, valido anche per l’allevamento.

Allora il signore che spruzzava quel prodotto sul suo campo, coperto da una tuta che copriva ogni millimetro della sua pelle, me la ricordo bene la tuta bianca, no lui no, non aveva una coltivazione biologica.

eko-pesticidi21.jpg

Foto by web

Alcuni li chiamano veleni legalizzati, io, senza farmi troppe paranoie, visto che non ho mai mangiato Bio fino ad ora ma sono ancora qui 😁, penso a cosa dar da mangiare a mio figlio.

È come se ti chiedessero:

” Sophia, è arrivato il momento di svezzare il tuo bebè, che hai e stai allattando ancora con tanto amore, ora però è arrivato il momento della pappa. Cosa preferisci comprare? Una verdura biologica o una verdura dalla dubbia provenienza magari piena di pesticidi, prodotti chimici ecc?

Che risposta dareste voi?!?

Io ho scelto il Bio! Almeno per Angelo

ovoshchi_v_pitanii_cheloveka.jpg

Spesso acquisto prodotti “normali” per me e Alberto e prodotti “Bio” per il nostro cucciolo, questo perché il Bio, in quanto tale, costa di più.

I prodotti Bio per avere questa dicitura nelle proprie etichette sono sottoposti a molteplici controlli di qualità, questo è sinonimo di sicurezza.

Però…

Un giorno parlai con un coltivatore di alberi da frutto biologico.

Gli chiesi se per fertilizzare o mandare via le bestioline usasse solo prodotti di origine naturale, mi rispose di si.

Adiacente alla sua proprietà però, c’era un’altra coltivazione di alberi da frutto, non biologico.

In giornate ventose se il coltivatore del non biologico spruzzava qualche sostanza non naturale sulla propria coltura arrivava malauguratamente anche sugli alberi cresciuti Biologicamente.

Viviamo in un mondo inquinato, l’aria che respiriamo è inquinata, la pioggia e la terra sono inquinate.

Ma se vi rifacessero la stessa domanda:

Preferisci nutrire il tuo bebè con verdure biologiche (nonostante l’inquinamento mondiale) o con verdure cresciute con prodotti non naturali e probabilmente nocivi per la salute (visto la tuta bianca)?

A voi la risposta.

Con la speranza che il futuro sia total green.

Vi riporto qui sotto il sito dell’ AIAB (associazione italiana per l’agricoltura biologica), troverete chiarimenti e risposte.

Www.aiab.it

Ciao mammine!

 

 

Imperdibile volantino di Natale LIDL con giochi per bambini!

Dal 12 di novembre in tutti i negozi Lidl troveremo una vasta gamma di giochi per bambini!

Dai giochi in legno, agli strumenti musicali, ai giochi da tavolo, ce ne sarà davvero per tutti i gusti in questo magico Natale!

Dopo averci stupito con il marchio Lupilu, con i suoi ottimi prodotti tessili (ho comprato dei completini per Angelo fantastici!), ai prodotti per la prima infanzia come omogenizzati, farine, per non parlare della super assorbenza dei pannolini! Lidl in questo magico Natale ci stupirà con dei deliziosi regali, che saranno super apprezzati dai nostri bebè 💟 io poi AMO I GIOCHI IN LEGNO! E Angelo pure 😍

Qualche foto dei giochi qui sotto:

E per il volantino completo andate sul sito lidl.it !

Buono shopping!!

👍 Pagina Facebook

Sa di Bebè ⏪⏪⏪