Burocrazia nel post nascita

Così vanno le cose, neanche il tempo di nascere che ho dovuto quasi aprirli un conto in banca…

gif-stupore-2.gif

Gli incartamenti burocratici per me equivalgono a dei rebus, non sono mai riuscita a risolverne uno!

Se per me sono dei rebus, Alberto li equivale a dei cruciverba in cinese, onde per cui spetta alla sottoscritta interessarsi e trovare una soluzione nonché un ordine logico a questo tunnel burocratico! Tutte le carte a casa sono mie! Che fortuna no?

Cosa fare quando nasce il bebè:

Inanzitutto in ospedale vi chiederanno il nome, sembra scontato ma non lo è! Il nome che trascriveranno le infermiere al momento della nascita sarà quello ufficiale, non sarà più possibile cambiarlo o correggerlo, se avete deciso di dare un nome “particolare” ai vostri figli ad es. Balthazar, Delilah, Cruz, Godfrey, CR7, Hamish, Maxfield, Strunz ecc ecc verificate che il nome sia trascritto giusto perché poi non sarà più possibile correggerlo.

L’ospedale vi rilascerà il certificato di nascita (attenzione a non perderlo), con l’attestazione di avvenuta nascita, dovrete portarli in comune entro 10 giorni, nel nostro caso, essendo io e Alberto solo conviventi e non sposati, siamo andati entrambi nel comune dove risediamo, se invece i genitori sono sposati può andare anche solo il padre portando comunque con se i seguenti dati:

  • generalità della mamma del bambino;
  • sesso del bambino;
  • informazioni sul parto (luogo, data e ora);
  • indicazioni sulla struttura dove è avvenuto il parto.

Se siete conviventi, la madre ha la possibilità di fare una procura in Comune (da fare in gravidanza), in cui dichiarerà che sarà solo il padre a presentarsi per l’iscrizione del figlio dopo la nascita.

In questo modo l’atto di nascita viene trascritto nei registri del comune.

Il comune vi rilascerà un codice fiscale provvisorio in attesa che vi arrivi a casa il tesserino sanitario definitivo (circa 20 giorni).

Una settinana dopo il riconoscimento fatto in comune potete recarvi nel vostro distretto sanitario di competenza per fare la tessera sanitaria cartacea e scegliere il pediatra. Se avete già un figlio potete scegliere il pediatra del primogenito, se no chiedete consiglio ad amiche con figlio o come ultima chance andate alla cieca! A dire il vero io e Alberto abbiamo scelto in base agli orari, la pediatra di Angelo per tre giorni alla settimana è presente fino alle 19, che non è poco.

Una volta scelto il pediatra il distretto vi rilascerà orari e numero di telefono dello stesso. Ricordatevi di chiamare il pediatra per fissare la visita del primo mese.

Se avete in programma di fare un viaggio al di fuori dei confini nazionali procuratevi anche la carta d’identità del bebè, è sufficiente che uno dei due genitori si rechi all’anagafe del comune con due foto tessera del pulcino! 😍

Il comune fornisce un modulo prestampato che entrambi i genitori dovranno compilare, il presente modulo darà la possibilità per l’ espatrio. Il certificato rilasciato dagli uffici comunali, l’istanza di assenso all’espatrio sottoscritta da mamma e papà e le copie del documento di identità di entrambi dovranno essere consegnate presso gli uffici della Questura che convaliderà l’autorizzazione all’espatrio del bambino. 

Come ultima cosa, fatti un plauso perché ce l’hai fatta!!!

 

Annunci

Guida pratica Bonus nido

Aimè tra qualche mese dovrò portare il mio piccolino al nido. Per cominciare ho deciso di fare un misto tra nonni e nido. Credo, sia giusto che i bambini stiano sia con i loro simili sia che passino un po di tempo con i loro nonni, non troppo però, perché rischierebbero di viziarli!

Io ho deciso di iscrivere Angelo in un nido in famiglia (seguirà l’articolo “guida alla scelta del nido”), anche questa formula è contemplata per usufruire dell’agevolazione statale per il bonus nido.

Cos’è il bonus nido?

È un’erogazione monetaria stanziata in 11 rate mensili da 90,91 euro per ogni retta pagata e documentata fino ad un massimo di eur 1000,00.

A seguito istruzioni su come procedere alla richiesta tramite sito inps.

Come per la richiesta del premio alla nascita, dovrete verificare se siete in possesso o meno del pin per accedere all’area personale INPS, e se questo codice è o meno dispositivo, dispositivo significa che vi da la possibilità di operare all’interno della vostra area personale.

Come prima cosa:

Possiedi un Pin Inps?

Se la risposta è NO e non hai voglia di imbatterti in altri uffici, segui la procedura che ho estrapolato dal sito inps qui sotto

https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?sPathID=0%3b46673%3b46674%3b&lastMenu=46674&iMenu=1

Il pin si suddivide in due parti, la prima ti arriverà tramite sms o email, la seconda parte la riceverai a casa in massimo due settimane.

Attenzione, il Pin che riuscirai ad ottenere in questo modo sarà un pin ORDINARIO, significa che è abilitato solo all’utilizzo informativo del sito.

E quindi?

Dovrai renderlo DISPOSITIVO

Se alla domanda: possiedi un Pin Inps? Hai risposto Si, verifica se il tuo pin è solo ordinario o anche dispositivo.

A seguito vi riporto procedura per convertire il vostro pin da ordinario a dispositivo

https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=47197

Semplice no?

Una volta ottenuto il pin dispositivo entrare all’interni del sito:

Www.inps.it

Accedere all’area personale con le proprie credenziali.

IMG_20180625_164304

– scrivere: nido e selezionare il primo “servizio bonus asilo nido e forme di supporto…”

– Sulla sinistra cliccare su: inserimento domanda e confermare

– confermare o modificare i propri dati anagrafici

– inserire cellullare/ telefono e email

– completare i “dati domanda”, io che porterò mio figlio in un asilo nido ho selezionato l’articolo 3

Рinserire i dati minore, ̬ sufficiente inserire il codice fiscale e cliccare su carica, il resto dei dati verranno inseriti automaticamente dalla procedura

IMG_20180625_165220.pnginserire i dati del nido.

Per Nido in famiglia selezionare: “privato autorizzato”, i dati del nido, quali: denominazione e p.i. li troverete nella fattura emessa a fronte del pagamento della prima rata. Ed altri tipo” autorizzazione n.” Vi verrà fornita dal nido stesso.

Io ad esempio ho iscritto il bebè, ed ho pagato la rata di ottobre, mese in cui inizierà la frequentazione, ho selezionato:

-dichiaro di aver già provveduto al pagamento…

-intendo richiedere… per i mesi di ottobre/novembre/dicembre…

-cliccare su avanti ed allegare la fattura emessa dal nido

-inserire la modalità di pagamento

-selezionare le dichiarazioni di legge

Andare avanti e confermare

Il modello SR163 è quello firmato dalla banca, utilizzato anche per il bonus bebè ecc.

Verificare per un pò di giorni lo status della pratica fino all’accoglimento della stessa.

Ciao da sa di bebè!!

Se ti è piaciuto il mio articolo clicca mi piace sulla pagina Facebook

⬇⬇⬇

Sa di bebè

⬆⬆⬆

Maternità facoltativa, guida pratica

Inanzitutto, cos’è la maternità facoltativa? È un congedo parentale, facoltativo, della durata di massimo 6 mesi, pagato al 30% fino agli 8 anni di vita del bambino, utilizzabile a mesi, giorni o ore.

Per ulteriori chiarimenti in merito la definizione vi rimando al sito dell’inps

https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=46130

Come per la richiesta del premio alla nascita, dovete verificare se siete in possesso o meno del pin per accedere all’area personale INPS, e se questo codice è o meno dispositivo, dispositivo significa che vi da la possibilità di operare all’interno della vostra area personale.

Come prima cosa:

Possiedi un Pin Inps?

Se la risposta è NO e non hai voglia di imbatterti in altri uffici, segui la procedura che ho estrapolato dal sito inps qui sotto

https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?sPathID=0%3b46673%3b46674%3b&lastMenu=46674&iMenu=1

Il pin si suddivide in due parti, la prima ti arriverà tramite sms o email, la seconda parte la riceverai a casa in massimo due settimane.

Attenzione, il Pin che riuscirai ad ottenere in questo modo sarà un pin ORDINARIO, significa che è abilitato solo all’utilizzo informativo del sito.

E quindi?

Dovrai renderlo DISPOSITIVO

Se alla domanda: possiedi un Pin Inps? Hai risposto Si, verifica se il tuo pin è solo ordinario o anche dispositivo.

A seguito vi riporto procedura per convertire il vostro pin da ordinario a dispositivo

https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=47197

Semplice no?

Un volta ottenuto il pin, accedere alla propria area personale, scrivere “maternità” su cerca servizi, selezionare il primo servizio

IMG_20180621_124115.pngsulla sinistra

– acquisizione domanda

-congedo parentale

-dipendenti (se siete lavoratrici dipendenti)

-se è la vostra prima richiesta di facoltativa per questa maternità : cominciare una nuova acquisizione e avanti

-confermare i dati (se corretti se no modificarli) compreso numero di cellulare e avanti finché non arrivate a questa schermata

IMG_20180621_140309.pngInserire i dati del secondo genitore, qualora non fosse presente, indicare in basso il motivo scegliendone uno tra quelli offerti

IMG_20180621_140829.pngselezionare il tipo evento (parto/adozione ecc)

IMG_20180621_141058.pnginserire i dati richiesti. Per congedo di maternità si intende la “maternità obbligatoria” quindi indicare il periodo fatto o in corso, per congedo parentale si intende la “maternità facoltativa”, attenzione che la maternità facoltativa non dovete necessariamente segnarla già tutta, se siete indecise, ad esempio se fare 4 o 5 mesi, potete intanto segnarne 4 e poi integrare la richiesta più avanti.

Aggiungere i dati del minore e cliccate su avanti, confermare o meno i dati del datore di lavoro e cliccate su avanti

IMG_20180621_141058fare un veloce calcolo dei propri redditi come riportato e selezionare la voce che corrisponde alla vostra situazione, anche nella schermata successiva selezionate le risposte corrette in base alle vostre esigenze.

In base alle vostre risposte date nel corso della procedura, la pratica per essere completata avrà bisogno o meno di alcuni allegati che vi proporrà la procedura stessa, se necessari, allegateli e la procedura è terminata.

Tenere monitorato lo stato della pratica per qualche giorno per verificarne lo status e una volta approvata inoltrare una copia della ricevuta al datore di lavoro.

Se ti è piaciuto il mio articolo clicca mi piace sulla pagina Facebook

⬇⬇⬇

Sa di bebè

⬆⬆⬆

Premio alla nascita, guida pratica alla richiesta fai da te

Inanzitutto vediamo in cosa consiste:

Si tratta di un premio di 800 euro per la nascita o l’adozione di un minore corrisposto dall’INPS, si può richiedere già al compimento del 7 mese di gravidanza ma per esperienza personale è molto più semplice inoltrare la richiesta una volta nato il bebè.

Probabilmente ti sei già imbattuta in uno di quegli uffici del Caf, e probabilmente sei tornata a casa a mani vuote perché ti sei dimenticata qualche documento. Comincerà allora a sembrarti la storia infinita.
Non disperare, c’e un metodo semplice e fai da te.

Come prima cosa:

Possiedi un Pin Inps?
Se la risposta è NO e non hai voglia di imbatterti in altri uffici, segui la procedura che ho estrapolato dal sito inps qui sotto
https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?sPathID=0%3b46673%3b46674%3b&lastMenu=46674&iMenu=1

Il pin si suddivide in due parti, la prima ti arriverà tramite sms o email, la seconda parte la riceverai a casa in massimo due settimane.

Attenzione, il Pin che riuscirai ad ottenere in questo modo sarà un pin ORDINARIO, significa che è abilitato solo all’utilizzo informativo del sito.

E quindi?

Dovrai renderlo DISPOSITIVO

Se alla domanda: possiedi un Pin Inps? Hai risposto Si, verifica se il tuo pin è solo ordinario o anche dispositivo.

A seguito vi riporto procedura per convertire il vostro pin da ordinario a dispositivo
https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=47197

Semplice no?

Una volta ottenuto il pin e verificato che sia un pin dispositivo tutto il resto è un gioco da ragazzi!

P.s. segnatevi da qualche parte il pin, perché spesso sono di difficile memorizzazione, se sbagliate il pin per più di 3 volte dovrete procedere con una procedura di recupero, passaggio in piu che è meglio evitare no?

Cominciamo.

Accedi all’interno del sito inps sulla tua area personale

IMG_20180616_001430.png

Sulla barra bianca digitate:

PREMIO ALLA NASCITA

Scegliete l’opzione premio alla nascita Cittadino

Cliccate sulla sinistra INSERIMENTO DOMANDA

IMG_20180616_002005.png

Come vedete c’è un numero verde da chiamare ma… con un po di attenzione e pazienza non ce ne sarà bisogno, le attese per parlare con un operatore, per mia esperienza sono lunghe

Confermare o modificare i propri dati, aggiungendo i dati mancanti necessari per proseguire con la procedura, cliccando su AVANTI la procedura vi allerta se manca qualche dato obbligatorio

IMG_20180616_002815.png

Arrivate a questo punto dovete censire il vostro bebè quindi codice fiscale a portata di mano,

Una volta inseriti i dati del minore, dovrete scegliere la modalità di pagamento

Stampare il modello SR163 che troverete qui

https://www.inps.it/search122/ricercaNew.aspx?sTrova=sr163&sDate&sCategoria=Modulistica

Lo compilate con i vostri dati, compresa modalità di pagamento e lo portate c/o la vostra Banca e/o ufficio postale per il timbro e la firma a conferma dei dati inseriti.

Abbiamo quasi terminato, allegate i documenti richiesti e procedete con la conferma della domanda.

Tenetela monitorata fin tanto che non ricevete l’accredito del bonus (io l’ho ricevuto in 1 mese).

Questa è una guida pratica, se avete bisogno di chiarimenti in merito al funzionamento del premio vi rimando al sito inps

https://serviziweb2.inps.it/PremioNascitaWeb/informazioni

Ottimo lavoro!

A BREVE GUIDA PRATICA BONUS BEBÈ E BONUS NIDO

Se ti è piaciuto il mio articolo clicca mi piace su:

Pagina Facebook Sadibebè