Calendario lunare taglio capelli e perché seguirlo!

È da circa un anno che taglio i capelli solo quando me lo dice la luna, e devo dire che ci azzecca sempre!

Ho sempre avuto i capelli fini come il filo di una ragnatela, anche per questo si spezzavano facilmente.

Ora taglio i capelli circa 1 volta al mese, massimo 1 cm perché a me piacciono lunghi e oltre a crescermi molto più in fretta, proprio come la tradizione dice, sono anche molto più forti e folti, nonostante allatto da 8 mesi e Angelo ama giocare a tiro alla fune con i miei capelli!

Provate per credere!

Ecco i giorni migliori per il taglio dei capelli nei mesi di novembre e dicembre!QuotePhoto0831f7cf.jpg

QuotePhotoac35b132

A breve seguirà il calendario lunare per l’anno 2019!

Seguiteci su Facebook per rimanere sempre aggiornate!👍

Mamme che non dormono!

tenor.gif

In fondo lo sapevo che questo momento sarebbe arrivato anche per me, ho sonnoooo!!!!

I primi mesi di vita, fino al quinto circa, devo dire che Angelo ci ha graziati nel vero senso della parola! Si svegliava solo due volte per la poppata, puntuale come un orologio svizzero! Non recriminava mai neanche il suo diritto ad avere il pannolino pulito, il litro di pipì, se lo teneva tranquillamente nel pannolino fino a mattina!

Che sogno!

Finché non sono arrivati…. cosa?!?

Massi i tanto attesi dentini!!!!!

images

Fonte web

Da quando sono arrivati loro, notti insonni, cacca liquida pipì dall’odore tagliente e morsetti simpaticissimi al capezzolo!!!! 😁

Però fa simpatico vedere il bebè con i dentini dai, anche se stava bene anche senza 😉 io non avevo fretta!

A sei mesi, come da manuale, ad Angelo sono spuntati i primi due dentini, quelli sotto, ora ha 8 mesi e facciamo il tifo a quelli sopra che cominciano a farsi vedere bene ma hanno bisogno ancora un po’ di carica per uscire, o forse di qualche altra notte insonne!!!

Cosa ho fatto in questi mesi?!?

Beh qualcosa da fare per alleviare la mancanza di sonno secondo me c’è’;

Innanzitutto ho cominciato a “disturbare” pure il Papà la notte, anche se lavora lo so, ma se non vuole che passo l’intero giorno in preda ad un esaurimento ha capito che la notte deve trasformarsi in mammo anche lui, devo dire che Alberto è proprio bravo.

Quando lo chiamo in piena notte scatta come una molla!!! “Dimmi amore”

Chiedere aiuto a mamma ed eventualmente ad una signora per pulire casa

depositphotos_93685540-stock-illustration-pop-art-comics-icon-help.jpg

Fonte web

Ho sempre cercato di arrangiarmi, mai chiesto aiuto ma mai come in questo momento ne ho bisogno! E non me ne vergogno! Anzi, considerando poi che tra due settimane ricomincerò a lavorare anche io!

Penso positivo, come diceva il mitico Jovanotti, il nostro bebè rimarrà tale ancora per poco, tra due giorni cominceremo l’inserimento al nido e sarà già un Po’ più distante da me, questa situazione non durerà per sempre.

Se il nostro bebè piange, come nel caso di Angelo per i dentini, ha bisogno di noi, pensate che ci sono dei cosi bianchi che vogliono uscire per forza dalle sue gengivine tanto sensibili ed arrossate 😢

Anche se a volte sono davvero stanca e giù di morale, se penso a queste cose prendo Angelo in braccio, lo stringo forte forte, gli accarezzo la testina, e l’amore che mi da ripaga tutto o quasi,  il malessere provato per la mancanza di sonno.

E poi mamme, in qualche modo si fa sempre!

Ricordatevi che se anche voi non dormite, non disperate, non sentitevi sole, ci siamo passate tutte tutte!!!!

Forza che siamo forti!! 💪💪💪

⏩⏩⏩ pagina Facebook

Sa di Bebè ⏪⏪⏪

Premio alla nascita, guida pratica alla richiesta fai da te

Inanzitutto vediamo in cosa consiste:

Si tratta di un premio di 800 euro per la nascita o l’adozione di un minore corrisposto dall’INPS, si può richiedere già al compimento del 7 mese di gravidanza ma per esperienza personale è molto più semplice inoltrare la richiesta una volta nato il bebè.

Probabilmente ti sei già imbattuta in uno di quegli uffici del Caf, e probabilmente sei tornata a casa a mani vuote perché ti sei dimenticata qualche documento. Comincerà allora a sembrarti la storia infinita.
Non disperare, c’e un metodo semplice e fai da te.

Come prima cosa:

Possiedi un Pin Inps?
Se la risposta è NO e non hai voglia di imbatterti in altri uffici, segui la procedura che ho estrapolato dal sito inps qui sotto
https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?sPathID=0%3b46673%3b46674%3b&lastMenu=46674&iMenu=1

Il pin si suddivide in due parti, la prima ti arriverà tramite sms o email, la seconda parte la riceverai a casa in massimo due settimane.

Attenzione, il Pin che riuscirai ad ottenere in questo modo sarà un pin ORDINARIO, significa che è abilitato solo all’utilizzo informativo del sito.

E quindi?

Dovrai renderlo DISPOSITIVO

Se alla domanda: possiedi un Pin Inps? Hai risposto Si, verifica se il tuo pin è solo ordinario o anche dispositivo.

A seguito vi riporto procedura per convertire il vostro pin da ordinario a dispositivo
https://www.inps.it/nuovoportaleinps/default.aspx?itemdir=47197

Semplice no?

Una volta ottenuto il pin e verificato che sia un pin dispositivo tutto il resto è un gioco da ragazzi!

P.s. segnatevi da qualche parte il pin, perché spesso sono di difficile memorizzazione, se sbagliate il pin per più di 3 volte dovrete procedere con una procedura di recupero, passaggio in piu che è meglio evitare no?

Cominciamo.

Accedi all’interno del sito inps sulla tua area personale

IMG_20180616_001430.png

Sulla barra bianca digitate:

PREMIO ALLA NASCITA

Scegliete l’opzione premio alla nascita Cittadino

Cliccate sulla sinistra INSERIMENTO DOMANDA

IMG_20180616_002005.png

Come vedete c’è un numero verde da chiamare ma… con un po di attenzione e pazienza non ce ne sarà bisogno, le attese per parlare con un operatore, per mia esperienza sono lunghe

Confermare o modificare i propri dati, aggiungendo i dati mancanti necessari per proseguire con la procedura, cliccando su AVANTI la procedura vi allerta se manca qualche dato obbligatorio

IMG_20180616_002815.png

Arrivate a questo punto dovete censire il vostro bebè quindi codice fiscale a portata di mano,

Una volta inseriti i dati del minore, dovrete scegliere la modalità di pagamento

Stampare il modello SR163 che troverete qui

https://www.inps.it/search122/ricercaNew.aspx?sTrova=sr163&sDate&sCategoria=Modulistica

Lo compilate con i vostri dati, compresa modalità di pagamento e lo portate c/o la vostra Banca e/o ufficio postale per il timbro e la firma a conferma dei dati inseriti.

Abbiamo quasi terminato, allegate i documenti richiesti e procedete con la conferma della domanda.

Tenetela monitorata fin tanto che non ricevete l’accredito del bonus (io l’ho ricevuto in 1 mese).

Questa è una guida pratica, se avete bisogno di chiarimenti in merito al funzionamento del premio vi rimando al sito inps

https://serviziweb2.inps.it/PremioNascitaWeb/informazioni

Ottimo lavoro!

A BREVE GUIDA PRATICA BONUS BEBÈ E BONUS NIDO

Se ti è piaciuto il mio articolo clicca mi piace su:

Pagina Facebook Sadibebè